Mutuo On Line | Tipi di Mutuo | Richiesta di Mutuo | Comprare e Ristrutturare | Contattaci | Links

Annunci di Lavoro

Che Tipo di Mutuo

I Tassi di Interesse

Una scelta importante da fare con attenzione legata alla modalità di calcolo e rifusione delgli interessi sul prestito è quella legata alla tipologia di mutuo da stipulare; ovvero  orientarsi su un mutuo a tasso fisso, a tasso variabile, oppure a tasso misto, una scelta che può cambiare radicalmente la gestione del debito da rifondere. Proprio per questo è importante ricordare che è bene partire da considerazioni sia di carattere finanziario, valutando l'andamento del mercato, se particolarmente esposto ad oscillazioni in questo periodo per esempio, sia da valutazioni rispetto alla propria condizione  finanziaria e al proprio stile di vita, per costruire un piano di rifusione del vostro debito gestibile e sostenibile in base alla vostra personale situazione. A seconda della tipologia di mutuo che sceglierete la banca applicherà un tasso d' interesse

Dove

differente  sul vostro prestito; infatti nel caso del mutuo a tasso fisso concorderete un piano di rifusione del prestito che blocca il tasso d'interesse a quello deciso con la banca al momento della stipula e in forza del quale vi verrà richiesta una rata sempre di uguale importo; se sceglierete  un mutuo a tasso variabile, viceversa, vi verrà applicato il tasso d'interesse che il mercato di volta in volta propone con una rata di importo variabile a seconda delle oscillazioni finanziarie. Per logica conseguenza il tasso variabile in caso di mercato favorevole vi farà risparmiare consentendovi di godere di migliori condizioni in quel momento disponibili, al contrario di un tasso fisso che invece resta comunque e indipendentemente quello pattuito; questo ragionamento è valido in caso di mercato favorevole ma anche in caso di mercato sfavorevole, situazione nella quale chi ha stipulato un nutuo a tasso variabile vedrà lievitare la propria rata a differenza di quanto accadrà per chi ha la sicurezza del tasso fisso. Di norma gli istituiti di credito tendono ad applicare tassi  migliori ai mutui a a tasso variabile. Data la notevole differenza fra le due tipologie di mutuo il panorama finanziario nel tempo ha sviluppato prodotti intermedi che possono rappresentare un buon compromesso.
Per esempio per chi stipula un mutuo a tasso variabile è possibile avvalersi di un opzione interessane come il mutuo 'capped rate', ovvero un mutuo a tasso variabile che prevede però una soglia limite non oltrepassabile dal tasso d'interesse.
Interessanti anche i cosidetti mutui a tasso misto che prevedono la possibilità di rinegoziare le condizioni del mutuo a scadenze regolari con la facoltà di scegliere di volta in volta quale tasso, se fisso o variabile, applicare al proprio mutuo. C'è poi il mutuo a tasso bilanciato nel quale il tasso d'interesse è rappresentato dalla media bilanciata fra tasso fisso e  tasso variabile, lasciando facoltà al cliente di scegliere in che percentuale corrispondere il tasso fisso e in che percentuale quello variabile. Un'altra opzione è data dal mutuo con durata variabile e rata fissa, laddove la variabilità del mercato è compensata dalla possibilità di variare anche la durata del mutuo, così una abbassamento del tasso d'interesse produrrà una minor durata  del mutuo  in caso invece di un aumento del tasso d'interesse, allungando la durata del mutuo si potrà corrispondere comunque il medesimo importo.

Visita i Nostri Portali
Siti Dove Compro Passatempi Food
Navigare Facile Meteo Prestiti A portata di Mouse Risultati Calcio
Navigare Facile